martedì 17 giugno 2014

salamini di cioccolato

è periodo di esami... un po' di affettato 'energetico' ci sta! ;)


(per 2 salami)
250g zucchero
3 uova bio (da Lidl o Eurospin la conf.da 4 uova bio 0.99€)
150g cacao amaro
150g burro morbido
100g mandorle o nocciole (o un mix) tostate e tritate
200g biscotti secchi tipo Oro Saiwa
1/2 tazzina di caffè ristretto o liquore (rhum, maraschino, gran marnier, cherry, brandy, strega, Caffè Sport Borghetti)

- in un sacchetto di plastica mettere i biscotti e chiudere con un nodo levando quanta più aria possibile. passarci sopra ripetutamente un mattarello (o una bottiglia di vetro) fino a sbriciolarne grossolanamente il contenuto

- se la frutta secca non si acquista già tostata, passarla per una decina di minuti in forno caldo a 180° e lasciar poi raffreddare (eventualmente strofinare per eliminare la pellicina scura) e tritare grossolanamente al coltello

- in una ciotola montare con una frusta elettrica le uova intere con lo zucchero fino ad ottenere un bel composto chiaro

- aggiungere il cacao continuando ad usare le fruste alla velocità minima (per evitare che il cacao voli tutto fuori dalla ciotola) e poi il burro morbido a pezzetti fino a che il composto non sia ben amalgamato

- aggiungere il caffè o il liquore ed incorporarlo perfettamente

- aggiungere la frutta secca ed i biscotti sbriciolati, poi con un cucchiaio agglomerare uniformemente

- dividere il composto in due parti uguali su due quadrati grandi di carta forno. avvolgere la carta dando la forma di un salame (cercando di non scaldare troppo l'impasto che sarà già abbastanza 'fondente' a causa del burro), arricciare e stringere le due estremità

- riporre in frigorifero per almeno un paio di ore prima di gustarlo tagliato a fette sottili e 'sbucciato dalla pelle'

NOTE
  • si conserva in frigo per qualche giorno oppure in congelatore per un  mesetto
  • volendo eliminare le uova: sostituirle con 250g di marmellata (albicocche, arance, ciliegie, marroni...), dimezzare lo zucchero ed evitare il caffè 


mercoledì 21 maggio 2014

la mia amatriciana

le ricette della tradizione sono le più codificate e al tempo stesso le più stravolte proprio perché appartengono alle abitudini di ogni famiglia. quella che segue è la ricetta che si fa a casa nostra e che a noi piace di più: con tutti i possibili "non si fa" :D



pancetta a dadini
passata di pomodoro
1 scalogno
1/2 bicchiere di vino bianco
olio extravergine
peperoncino
sale

- in una padella rosolare a fuoco basso la pancetta con un bel giro d'olio. quando è bella asciutta e dorata toglierla dal condimento e metterla da parte

- nell'olio caldo mettere lo scalogno tritato finemente e lasciar soffriggere senza bruciarlo

- aggiungere il peperoncino e dopo qualche istante aggiungere anche il vino ed alzare un po' la fiamma per farlo evaporare

- riabbassare il fuoco e aggiungere la passata con qualche cucchiaiata di acqua ed un pizzico di sale
- nel frattempo cuocere la pasta al dente, scolarla e condirla con il sugo e la pancetta tolta prima
- servire con una bella spolverata di parmigiano o pecorino grattugiati


sabato 17 maggio 2014

uova in purgatorio

un secondo semplice e perfetto per fare la scarpetta col pane scrocchiarello ;)


(per 2 persone)

passata di pomodoro
1 scalogno
olio extravergine
peperoncino
sale

- in una padella rosolare, su fuoco basso e senza bruciare, lo scalogno tritato finemente in un generoso giro d'olio
- aggiungere un pizzico di peperoncino e, dopo qualche istante, la passata e una tazzina di acqua
- salare e lasciar asciugare su fuoco minimo per 5-10 minuti fino a quando il sugo non apparirà bello denso
- sgusciare le uova ad una ad una lasciandole adagiare sul sugo che continua a bollire al minimo, condirle con un pizzico di sale e coprire con un coperchio
- quando l'albume sarà completamente bianco ed il tuorlo ancora morbido sono pronte da mangiare

*al LIDL le uova bio costano poco, se non erro 0.99 centesimi per la confezione da 4... ne vale la pena, credetemi!

lunedì 5 maggio 2014

preparato per cioccolata/budino in tazza

...e non comprerete più la famosa polverina nella busta blu. SCOMMETTIAMO? ;)
la ricetta l'ho presa qua modificando il tipo di cioccolato

si capisce quanto è densa? ;)


Ingredienti per 12 tazze:
180g di gocce di cioccolato fondente
12 cucchiai di cacao amaro in polvere
4 cucchiai di zucchero di canna
8 cucchiai di zucchero semolato
12 cucchiaini rasi di fecola di patate



- unire in un barattolo tutti gli ingredienti, mescolare in modo che siano distribuiti uniformemente e conservare in frigorifero
- per preparare la cioccolata calda: mettere 3 cucchiai rasi di preparato in un pentolino, stemperare con un bicchiere di latte freddo (circa 150ml) e, mescolando continuamente, portare ad ebollizione su fuoco basso lasciando addensare

NOTE
  • l'utilizzo di cioccolato in gocce permette di velocizzare i tempi, non richiede il mixer e impedisce che i piccolissimi frammenti di cioccolato polverizzato si sciolgano con estrema facilità
  • il preparato può essere aromatizzato a piacere con cannella, caffè liofilizzato, pepe bianco, noce moscata, vaniglia, peperoncino ecc.
  • una volta preparata, lasciata raffreddare e riposta in frigo la cioccolata calda diventa un godibilissimo budino che vi farà dimenticare altri famosi dessert del supermercato!


martedì 29 aprile 2014

liquorino al cioccolato

un liquorino simpatico: ottimo a fine serata o sul gelato! ;)



(per circa 3 bottiglie da 0,5l)

100g di cacao amaro
600g di zucchero
50g di cioccolato fondente al 70%
1 cucchiaino di caffe solubile in polvere (o più se piace)
1l di latte intero
250ml di alcol 95°



-riunire zucchero, cacao e caffè in una pentola e stemperare mano a mano con tutto il latte, girando con una frusta o con un cucchiaio di legno
- porre su fuoco medio e girando frequentemente lasciare che il composto raggiunga l'ebollizione
- unire il cioccolato fondente spezzettato e lasciar bollire a fuoco basso per 5 minuti sempre girando
- spegnere il fuoco e far raffreddare
- aggiungere l'alcol girando bene per amalgamarlo uniformemente
- imbottigliare e riporre in frigo per una settimana almeno prima di gustare
- conservare in frigo anche in seguito

domenica 27 aprile 2014

il mio curry di pollo | il mio curry di zucchine



(per due persone)

300g di petto di pollo a fette
1 cipolla bianca
1 mela verde
1 cucchiaio di curry (o a piacere)
200ml di latte di cocco e/o 1 yogurt bianco intero
peperoncino in polvere a piacere
olio extravergine di oliva
farina q.b.
sale

per accompagnare
riso basmati
spezie a piacere
sale
un cucchiaio di olio extravergine di oliva

- mettere su fuoco basso una padella larga ed un po' fonda con un bel giro di olio, la cipolla tritata non troppo finemente, il curry ed il peperoncino in polvere. lasciar rosolare senza bruciare fino a che la cipolla non sarà morbida


- nel frattempo tagliare a bocconcini il petto di pollo ed infarinarli in un piatto con una manciata di farina, poi toglierne l'eccesso saltandoli in uno scolapasta


- metterli in padella alzando il fuoco, lasciarli rosolare uniformemente e aggiungere la mela a fettine sottili. lasciar amalgamare il tutto e aggiungere un bel pizzico di sale


- aggiungere il latte di cocco o, se non piace il sapore troppo dolciastro, sostituire con 1 vasetto di yogurt bianco (io a volte li metto entrambi per ottenere più sughetto)


- mescolare, coprire e lasciar insaporire il tutto per 5/10 minuti su fiamma bassa. se risulta troppo asciutto aggiungere qualche cucchiaiata di acqua. alla fine si può aggiungere prezzemolo tritato

- il riso per accompagnare si prepara usando un bicchiere come unità di misura: mettere in una pentola 1 bicchiere colmo di riso, 2 bicchieri colmi di acqua fredda, 1 giro di olio, 1 bel pizzico di sale e spezie a piacere (io uso un anice stellato e qualche bacca di cardamomo verde ma si può usare anche un mix già pronto per couscous o "le 5 spezie"). incoperchiare e mettere su fiamma il più bassa possibile, dopo 15 minuti dare una girata e controllare se bisogna aggiungere un po' di acqua per arrivare alla cottura completa del riso (per la quale bisogna sempre assaggiare...) 

PER I VEGETARIANI o per cambiare un po': sostituire al pollo 4 zucchine tagliate a tocchetti, eliminare la mela dagli ingredienti e procedere in maniera identica





martedì 15 aprile 2014

semi conserva di carne in salsa verde

foto by FOTEMIA

Questa è una preparazione a base di carne, ottima per il periodo estivo dato che si conserva in frigorifero fino ad un mese. Ottima per un secondo freddo già pronto, per un secondo caldo ripassandola dolcemente in padella o per farcire un saporitissimo panino. Se non avete molta dimestichezza con i fornelli (per quanto non sia una preparazione molto elaborata) stampate la ricetta e fatevela preparare da qualcuno ora che tornate a casa per Pasqua ;) Quando tornerete all'uni, per un pasto già pronto vi basterà accompagnare con riso bollito o patate lesse o pomodorini da condire con l'abbondante salsa verde.

Per la carne:
1 kg di girello di vitello (lacerto) | lonza di maiale | petto di tacchino o pollo
aceto q.b.
1/2 cipolla
2 chiodi di garofano
2 foglie di alloro
sale

Per la salsa:
un bel mazzo di prezzemolo
2 spicchi di aglio
2 acciughe dissalate
50g di capperini
abbondante olio evo

succo di limone q.b.

- Portare a bollore metà acqua e metà aceto aggiungendo la cipolla, i chiodi, l'alloro e 1 pugno di sale
- Aggiungere la carne legata e lasciar cuocere per un'ora a fuoco dolce. Spegnere e lasciar raffreddare nel liquido di cottura. 
- Nel frattempo sterilizzare (col metodo preferito: forno, micro o bollitura) un barattolo di vetro che abbia la base circa della misura della fetta di carne che si ricaverà dal pezzo intero.
- Preparare la salsa: preparare un battuto con abbondante* prezzemolo, l'aglio, le acciughe e i capperi (io uso i capperini di Pantelleria e li lascio interi). Aggiungere abbondante olio evo a coprire e far sobbollire dolcemente per 15 minuti.
- Affettare sottilmente (circa 1/2 cm) la carne fredda e cominciare a disporre nel barattolo: una cucchiaiata di salsa calda sul fondo, una fetta di carne, qualche goccia di succo di limone, una cucchiaiata di salsa calda e così via. Finire con la salsa e coprire bene il tutto con olio evo, lasciar raffreddare il tempo necessario per poter riporre in frigo dove può stare tranquillamente fino ad un mese.

*La dose del prezzemolo è approssimativa ma per esperienza vi consiglio, quando vi sembrerà di averne messo già tanto, di metterne ancora un po'!

foto by FOTEMIA

Note
- raddoppiando il peso della carne, raddoppia anche il tempo di cottura
- se si vuole consumarla in breve tempo (va molto bene nelle cene d'estate) conviene comunque prepararla qualche giorno prima
- la salsa che rimane quando è finita la carne è perfetta per un piatto di spaghetti!
- usate, come sempre, un olio evo di ottima qualità: i polifenoli contenuti nell'olio non faranno che agevolare la conservazione del prodotto nel tempo e faranno bene a voi quando ci farete la scarpetta ;) dato il 'carattere' dei sapori e dei profumi di questa preparazione, andrà bene un fruttato leggero a far da base

domenica 30 marzo 2014

chocolate chip cookies (soft & chewy)

I cookies preferiti da Mara sono quelli del M° Maurizio Santin che potete trovare QUI in una ricetta molto dettagliata e un po' laboriosa. I miei preferiti sono invece meno consistenti e più gommosetti... soft and chewy per dirla giusta! ;)

ricetta e foto prese dal sito della strepitosa Martha Stewart


250g farina
1/2 cucchiaino di bicarbonato
220g burro a temperatura ambiente
100g zucchero semolato
200g zucchero di canna chiaro
1 cucchiaino di sale
2 cucchiaini di estratto di vaniglia*
2 uova grandi
250g gocce di cioccolato 

- riscaldare il forno a 180°
- miscelare la farina con il lievito in una ciotola e mettere da parte
- in un'altra ciotola montare il burro con i due zuccheri (a mano con un cucchiaio di legno oppure con lo sbattitore elettrico se lo avete) fino ad avere una consistenza leggera e spumosa
- aggiungere il sale, la vaniglia e le uova continuando a sbattere fino a che non si siano ben miscelati
- aggiungere la farina e farla assorbire, in ultimo unire le gocce di cioccolato distribuendole uniformemente
- aiutandosi con due cucchiai, far cadere dei mucchietti di impasto su una teglia ricoperta di carta forno (cercando di farli della stessa misura) e tenendoli distanziati di 3/4cm
- cuocere fino a che i biscotti non siano dorati ai bordi ma ancora morbidi al centro, circa 8/10 minuti
- sfornare e lasciarli intiepidire per qualche minuto poi trasferirli su un vassoio o su una grata fino a che non siano completamente raffreddati
- possono essere conservati in un contenitore ermetico fino ad una settimana (ma nessun essere umano può testimoniare per un tempo superiore alle 48 ore! :) )

*NON USATE LA VANILLINA! intanto non è un prodotto naturale ma di sintesi, poi lascia un retrogusto amaro davvero poco piacevole. se non volete comprare l'estratto naturale di vaniglia (e mi sembra anche giusto) una buona soluzione è comprare una bacca di vaniglia VERA e tenerla sempre dentro ad un barattolo di zucchero (rabboccato dopo ogni uso) che sarà in questo modo profumato naturalmente e per lunghissimo tempo... provare per credere! ;)

giovedì 27 marzo 2014

ragù di fagioli

per un primo veloce e sostanzioso

(per due persone)

1 scatola di fagioli borlotti lessati
2 cucchiai d'olio extravergine di oliva
1 scalogno (o cipollina o aglio)
1 cucchiaiata di pancetta a cubetti
1 bicchiere di passata di pomodoro
peperoncino in polvere
sale e pepe

- in un pentolino mettere a soffriggere a fuoco basso lo scalogno tagliato a metà e la pancetta con l'olio
- quando sono rosolati aggiungere il peperoncino e dopo un minuto aggiungere il pomodoro e i fagioli sgocciolati dal loro liquido e sciacquati abbondantemente (per togliere l'abbondante sale che caratterizza questo tipo di prodotto essendo l'unico conservante)
- aggiustare di sale e pepe e lasciar cuocere 5 minuti a fuoco basso affinchè il sugo si restringa leggermente e i fagioli si ammorbidiscano
- lessare 200g di pasta corta, scolarla e condirla col ragù
- se piace, spolverare con parmigiano grattugiato







martedì 11 marzo 2014

il mio pollo alle mandorle

(senza dosi)

fettine di petto di pollo
cipolla o scalogno
mandorle a fettine
salsa di soia
farina
olio extravergine di oliva
NIENTE sale

- qualche cucchiaiata di olio in padella con la cipolla tritata finemente, fate rosolare a fuoco dolce
- intanto tagliate le fettine di pollo in bocconcini, infarinate  per bene (girandoli in una fondina con la farina ed eliminando l'eccesso)
- alzate la fiamma, aggiungete il pollo e lasciate rosolare uniformemente aggiungendo negli ultimi minuti una manciata di mandorle (dovranno anch'esse colorirsi)
- unite un bicchiere d'acqua calda e salsa di soia a piacere per insaporire (assaggiate!)
- fate andare un paio di minuti, giusto il tempo in cui si formerà una salsetta gustosa

la prossima volta vi racconto come cuocere il riso da accompagnare a questa ricetta per farla diventare piatto unico 
:)


domenica 9 marzo 2014

le mie cotolette alla palermitana


senza dosi

fettine sottili di pollo o vitellone
olio extravergine di oliva
limone
erbette fresche e/o secche
pangrattato
formaggio grattugiato
aglio
sale

gli ingredienti indicati possono essere utilizzati tutti o in parte, secondo gusto o disponibilità

- mettere qualche cucchiaiata di olio in una fondina, aggiungere uno spicchio di aglio schiacciato e un cucchiaio di succo di limone sbattendo leggermente con una forchetta
- mettervi a marinare le fette di carne per una ventina di minuti rigirandole bene nel condimento in modo che ne siano completamente rivestite 
- nel frattempo preparare la panatura unendo al pangrattato le erbette (origano, prezzemolo, timo, maggiorana, menta, basilico), formaggio, buccia di limone grattugiata e sale miscelando bene
- impanare con cura le fette sgocciolate dalla marinata premendo bene col palmo delle mani
- cuocere su piastra calda o al forno (su carta forno) a 200° ventilato/220° statico
- tempo di cottura a vista: quando vi sembrano buone da mangiare... sono pronte!
:)


sabato 8 marzo 2014

i legumi secchi "veloci"

io utilizzo da tempo queste vellutate che trovo al supermercato e che mi sembrano una buona soluzione per consumare i legumi secchi senza i tempi biblici della cottura tradizionale. queste sono semplicemente farine di legumi sottoposte ad un trattamento di precottura (hanno quindi un solo ingrediente).


sono veloci, economiche, sane, nutrienti e BUONE! le istruzioni di cottura le trovate in questo video, io nel piatto metto crostini di pane raffermo tostati in forno o in padella e sopra pepe o peperoncino, parmigiano  e un bel giro d'olio extravergine di oliva. con un po' di verdura poi diventano un ottimo piatto unico... in questo caso i miei abbinamenti sono:
- ceci e radicchio rosso
- fave e cicoria
- fagioli e scarola
più in là vi farò vedere come preparare anche le verdure
:)

serate al limoncello


a parte la decorazione, mi sembra un'ottima idea per mantenere a lungo la temperatura di liquorini vari.
andate al link per vedere come fare
:)

tè (infuso a) freddo

fra poco arriva il caldo ed inizia a farsi più pressante il desiderio di bere qualcosa di fresco durante la giornata. vi prego... NON consumate quegli pseudo tè freddi da supermercato! a parte il costo esagerato per acqua+zucchero, sono pienissimi di coloranti e aromi artificiali (x_x)
prendete invece una bottiglia a bocca larga riciclata da un succo di frutta (mi raccomando che sia stato almeno al 50-70% di frutta!), riempitela di acqua e immergetevi 2 bustine del vostro tè o tisana preferiti, tappate e mettete in frigo per qualche ora fino a tutta la notte. sfilate le bustine e aggiungete la quantità di zucchero che vi piace e succo di limone se lo gradite. per un tè aromatizzato alla pesca basta aggiungere, al momento dell'inserimento delle bustine, una pesca tagliata a pezzetti o spicchi sottili.
conservate in frigo e consumate nel giro di 48 ore.
:)
http://www.conilcuoreelemani.it/2011/07/te-freddo-homemade.html

videocucina - L'uovo affrittellato del Picchi

venerdì 7 marzo 2014

fred a porter

http://4.bp.blogspot.com/_MT2WTRgoy0o/Swta8hgUtrI/AAAAAAAAARs/qzpFHRsPqUg/s1600/bottiglie_acqua1238615273.jpg
http://www.pourfemme.it/foto/colpo-di-calore_2311.html

d'estate tenete sempre qualche bottiglietta di acqua da 0,5l in freezer. servirà come accumulatore di freddo per trasportare cibi da mantenere freschi e, quando sarà scongelata, l'acqua fresca sarà pronta da bere! l'importante è che siano bottigliette nuove e sigillate però!
:)

formaggio grattugiato

http://fenice.forumcommunity.net/?t=54893288

per un fuori sede che non ne fa un uso massiccio, l'acquisto di spicchi interi di parmigiano o qualunque altro formaggio da grattugia può essere controproducente per il lungo tempo necessario a consumarlo tutto... dopo le prime grattate finirebbe per seccarsi e probabilmente ammuffirsi. è però un peccato privarsi di un alimento così nutriente, sano e appetitoso! la soluzione è acquistare il formaggio già grattugiato dal reparto salumeria del supermercato (NON quello confezionato di marca) conservandolo poi in freezer e usando di volta in volta solo la quantità necessaria (per esempio una cucchiaiata sulla pasta). la ridotta presenza di acqua rende superfluo lo scongelamento e l'utilizzo è possibile tal quale, con l'accortezza di riporlo subito in freezer fino all'utilizzo successivo.

:)

riso fritto alla cantonese

(per 2 persone)

200g riso parboiled
2 cucchiaiate di piselli surgelati
1 scalogno o cipollina
1 fetta di prosciutto cotto tagliato in dadini
1 manciata di gamberetti surgelati
1 uovo
salsa di soia
olio extravergine di oliva
NIENTE sale

- bollire il riso in acqua senza sale aggiungendo i piselli a 10' dalla fine e i gamberetti scongelati a 3' dalla fine
- scolare bene e stendere su un piatto largo, lasciando intiepidire
- strapazzare l'uovo in un padellino con un po' d'olio fino a che non risulti bello stracciato in briciole e mettere da parte
- in una padella grande che possa contenere tutta la preparazione versare un generoso giro di olio e la cipollina (o loscalogno) tritata fine e far soffriggere qualche minuto a fuoco dolce, aggiungere il prosciutto, alzare il fuoco, aggiungere il riso con piselli e gamberetti e infine l'uovo. Rosolare il tutto a fuoco alto rigirando e aggiungendo salsa di soia a piacere.

<3

thermos

http://mangoistic.blogspot.it/2014/01/pylones-my-favourite-cult-brand.html

se pensate di conservare il caffè al caldo in un thermos, ricordate di riempirlo di acqua bollente per qualche minuto prima di versarci il caffè appena uscito dalla macchinetta! questo perché, se il thermos è freddo, il primo calore che se ne va è proprio quello assorbito dalle pareti interne.

per pulire perfettamente il thermos inserire: un cucchiaio di sale grosso + un goccino di detersivo per piatti + mezzo bicchiere di acqua FREDDA >>> tappare >>> scuotere con energia >>> sciacquare accuratamente

riporre il thermos senza mai tapparlo completamente, lasciare sempre che l'aria e l'umidità non ristagnino all'interno

:)